Dmoz: ora si rasenta la follia !

dmozDmoz, per chi non lo sapesse, è una directory di siti web moderata da volontari ed un tempo considerata fra le migliori del Web. E’ anche il fornitore ufficiale per la directory di siti web di Google. Il fatto che sia moderata da persone ha sempre reso Dmoz molto credibile ed un tempo (oggi molto di meno) era considerato fondamentale avere il proprio sito elencato in questa directory per ottenere un buon posizionamento sui motori di ricerca. Parlo al passato perché al giorno d’oggi la sua importanza sta rapidamente diminuendo e, dopo l’avvenimento che sto per raccontarvi, mi auguro che finalmente Dmoz perda totalmente qualsiasi rilevanza.

Già da diversi anni Dmoz è diventato un po’ una bestia nera per tutti i Webmaster. Riuscire ad avere il proprio sito web segnalato in questa directory è infatti praticamente impossibile: molte sezioni non hanno moderatori che le controllino e nelle sezioni più “importanti” e redditizie se non si è amici di qualcuno si possono aspettare diversi anni prima di essere approvati, cosa che comunque capita raramente. Insomma, il sistema degli editori umani volontari e non pagati non sembra funzionare, ognuno cura il proprio orticello per interessi personali ed i poveri webmaster che non hanno amici moderatori possono anche metterci una croce sopra.

Se questo alto livello di incompetenza e corruzione non dovesse bastare a farvi desistere dall’idea di inserire il vostro sito in Dmoz, ecco il colpo di grazia. In questo articolo di ShoeMoney, Jeremy Schoemaker, fondatore del sito e guru del business online, racconta di essere stato contattato da un moderatore di Dmoz il quale ha chiesto 5.000$ altrimenti avrebbe rimosso ShoeMoney da Dmoz. Jeremy ha ovviamente pensato ad uno scherzo reputando impossibile che ora gli editor di Dmoz si fossero dati anche all’estorsione online. Ed invece … Oggi il suo sito è stato rimosso da Dmoz e il moderatore malandrino si è rifatto vivo suggerendogli di effettuare il pagamento dei 5.000$. Fortunatamente Jeremy non ha accettato, lo ha sputtanato pubblicamente e ha suggerito a tutti, Google in primis, di abbandonare definitivamente Dmoz.

Sono proprio curioso di vedere cosa succederà ora e se in qualche modo verranno presi provvedimenti contro questo moderatore, personalmente ne dubito. Non mi resta che consigliare a tutti voi di non sprecare nemmeno 5 minuti a compilare la form di submission a Dmoz. E’ veramente fatica sprecata.

Questa voce è stata pubblicata in Gestire un sito web, SEO. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>